Le aree a verde e a parco

Le aree a verde e a parco in Breno
Il parco giochi situato di fronte al palazzo municipale sardi oggetto di ristrutturazione negli attrezzi che lo compongono: si sostituiranno li elementi in ferro con nuovi in materiale in legno. Nelle adiacenze della scuola materna é stato costruito un nuovo parco giochi attrezzato e sistemato il verde. l'area ci verde tra le scuole medie e magistrali é attrezzata in modo da poterla utilizzare come parco sia per il relax sia per i giochi. A Mezzarro, è in progetto, nei pressi della scuola materno, un'area a verde attrezzato con giochi e spazi utili per i piccoli e per i grandi.

Il Parco di Spinera
Presentiamo un parco, anzi una parte del Parco del Barberino, quella relativa al Comune di Breno e che va sotto il nome di Parco di Spinera. Breno ha aderito all'inizio degli anni novanta alla riserva intercomunale che interessa i comuni di Berzo, Esine e soprattutto Cividate. L'area in esame confina a nord con l'ex statale 42 dal Ponte della Madonna sino all'Albergo Castello; a est con l'abitato dei Bilone e la frazione di Mezzarro; a sud con le rocce che scendono scoscese dal colle di San Pietro Barberino, più noto come l'eremo, sino alle case di Barberino di Cividate, proprio sopra il paese; a ovest con le cose dei Veraldi sino alla fattoria di Spinera. Nel mezzo di questo anfiteatro circolare ci sono doline, rocce calcaree, piane, colline, terrazzamenti e vari tipi di alberi, fiori ed un ambiente naturale per buono parte ancora intatto. Inoltre i ritrovamento archeologia ne fanno un'area di particolare interesse storico, o etto di continui studi e ricerche. Oasi, quindi, di silenzi, di voci e di antiche memorie.

Il Verde
Gli alberi, come manifestazione più significativa del regno vegetale, sono elemento indispensabile per la sopravvivenza umana. Tramite la fotosintesi clorofilliana assorbono anidride carbonica, restituendoci ossigeno puro, convogliando lentamente a terra le acque meteoriche, giovano all'assetto idrogeologico dei bacini e difendono il suolo dall'erosione e dagli smottamenti. Inoltre procurano ulteriori benefici come:

  • depurazione chimica naturale dell'atmosfera;
  • fissazione dei gas tossici, delle polveri e dei prodotti catramosi;
  • regolazione termica;
  • schermo antirumore;
  • depurazione batteriologica dell'aria.

Da qui l'importanza del rimboschimento e del mantenimento del verde nei centri urbani, vietando una cementificazione selvaggia. Il verde deve essere mantenuto sia negli spazi che circondano i centri abitati sia in quelli urbani, cioè gli spazi pubblici o privati che si inframmezzano agli edifici e alle strade e che svolgono funzioni puramente ricreative. È compito dell'Amministrazione Comunale, tramite l'Ufficio Tecnico, curare l'esecuzione dei lavori inerenti alla coltivazione e conservazione delle piante dei parchi e dei giardini. È sempre bene però ricordare che la cura ed il rispetto del verde pubblico spetta a tutti i cittadini che devono mantenere un comportamento corretto e civile.